Home / Comunicazioni / Le Assemblee di Quartiere nello Statuto Comunale

Le Assemblee di Quartiere nello Statuto Comunale

Con Deliberazione di Consiglio n. 49 del 29.07.2020 sono state approvate le modifiche al Titolo II dello Statuto Comunale che prevedono l’inserimento delle Assemblee di Quartiere (art. 23-bis) nello Statuto Comunale.

Oggetto di modifica sono stati nello specifico gli art. 6-9-11-12 ed è stato aggiunto il nuovo art 23-bis ASSEMBLEE DI QUARTIERE.

A seguito di un percorso partecipativo iniziato a maggio 2019 e conclusosi a novembre 2019, denominato “Le Assemblee di quartiere: uno sguardo sulla comunità”, destinatario di un contributo regionale ai sensi della Legge 15/2018, è stato condiviso con i cittadini un documento di proposta partecipata, validato dal Tecnico di Garanzia della Regione Emilia-Romagna.

In tale documento sono state condivise con i cittadini le linee guida sulle assemblee di quartiere: cosa sono, come si costituiscono, come si organizzano, i temi oggetto degli incontri.

Da quanto emerso, su mandato della Giunta Comunale, un tavolo tecnico di lavoro ha lavorato all’elaborazione di una proposta di modifica dello Statuto Comunale, condivisa con i componenti del tavolo di negoziazione del percorso partecipativo (videoconferenza del 28.05.2020) e presentata ai componenti del tavolo di negoziazione permanente (15.06.2020).

Da qui il passaggio alla 1° Commissione Consiliare in data 20.07.2020. Il Consiglio Comunale immediatamente successivo (29.07.2020) ha poi approvato la proposta di modifica.

 

L’Art. 23-bis enuncia:

  1. Il Comune sostiene la formazione delle Assemblee di Quartiere con il compito di promuovere la conoscenza delle stesse e di facilitarne la costituzione, la permanenza e l’operatività
  2. L’Assemblea di Quartiere è un luogo di elaborazione di proposte partecipate, uno spazio non delimitato da confini fisici, ma uno spazio simbolico di appartenenza, di identità, in cui i soggetti titolari di interesse si identificano.
  3. L’Amministrazione comunale pubblica un avviso informativo alla cittadinanza, invitando gli interessati a dimostrare il proprio intento a costituire un’Assemblea di Quartiere nella propria zona.
  4. I soggetti, singoli o associati, una volta raccolte 50 firme, possono presentare all’Amministrazione comunale, una richiesta per la formazione di un’Assemblea di Quartiere
  5. Il regolamento definisce le modalità dei procedimenti amministrativi necessari.

 

Qui di seguito:

 

Il testo completo della Deliberazione di Consiglio Comunale n. 49 del 29 luglio 2020 è disponibile sul sito del Comune di Vignola